Giuseppe Balbo, artista

Giuseppe Balbo, Vaso di ciclamini
Fonte: Marco Balbo di Bordighera (IM)
Giuseppe Balbo, Foglie d’autunno
Fonte: Marco Balbo di Bordighera (IM)
Giuseppe Balbo, Papaveri
Fonte: Marco Balbo di Bordighera (IM)
Giuseppe Balbo, Natura morta
Fonte: Marco Balbo di Bordighera (IM)
Giuseppe Balbo, Strelitzie
Fonte: Marco Balbo di Bordighera (IM)
Giuseppe Balbo, Figure a penna
Fonte: Marco Balbo di Bordighera (IM)
Giuseppe Balbo, Testa di arabo, 1939
Fonte: Marco Balbo di Bordighera (IM)
Giuseppe Balbo, Agave e barca
Fonte: Marco Balbo di Bordighera (IM)
Giuseppe Balbo, Bastioni di Bordighera, 1950
Fonte: Marco Balbo di Bordighera (IM)
Giuseppe Balbo, Paesaggio, 1960
Fonte: Marco Balbo di Bordighera (IM)
Giuseppe Balbo, Pescatori di Bordighera, 1964
Fonte: Marco Balbo di Bordighera (IM)

“È guardando agli innumerevoli aspetti della natura e della vita, come ai più diversi momenti della vicenda umana, che Giuseppe Balbo ha creato una inesauribile e ricchissima antologia, mosso da una mai quieta curiosità esplorativa e, più nel profondo, da una assoluta necessità di intendere le cose e la realtà intorno a sé attraverso la pittura stessa. Per tutta la vita egli ha visto, ha osservato, ha raccontato o ha illustrato e, soprattutto, tutto ciò ha dipinto, respingendo suggestioni e modi che non lo riguardavano, lavorando con assiduità e convinzione. Balbo ha saputo dare l’esempio di un impegno dignitoso e severo ed ha fornito insieme una lezione della più alta fedeltà”. Massimo Cavalli ne “La Voce Intemelia” del 23 gennaio 1978

[ A questo link il sito dedicato all’artista Giuseppe Balbo e a questo link il sito dell’Archivio Balbo ]

Precedente Fragola Doria e Spartaco Successivo Da Zanzibar, un camporossino il 26 luglio 1888