Ho infilato a un ramo una poesia (di Evgenij Evtushenko)

Ho infilato a un ramo una poesia,

che lotta e non si lascia afferrare

dal vento.

Mi chiedi: Sfilala, non scherzare.

La gente passa. Guarda. Si stupisce.

L’albero brandisce la poesia.

Non dobbiamo discutere. Dobbiamo proseguire.

Ma non te la ricordi. E’ vero,

però domani te ne scriverò una nuova.

Vale agitarsi per simile sciocchezza!

Non pesa certo al ramo una poesia.

Te ne scriverò quante ne vorrai.

Per ogni albero – una poesia!

Ma più avanti, come saremo?

Questo forse presto lo dimenticheremo?

No, se andando avanti diverrà difficile,

ci sovverrà di dove, in piena luce,

un albero brandisce una poesia,

e sorrideremo: Dobbiamo proseguire.

Evgenij Evtushenko

Precedente Il sangue ebraico sarà vendicato Successivo Il Polizeihaftlager di Borgo San Dalmazzo